café golem

l'inserto culturale di East Journal

Giorno della Memoria : Raymond Federman – Chut! Zitto!

copertina federman067

di Giovanni Catelli

Vogliamo ricordare il Giorno della Memoria attraverso un libro importante, che narra l’infanzia spezzata di un bambino ebreo, depredato della famiglia da una retata della polizia collaborazionista francese nel 1942 : la madre, il padre e le sorelle furono inviati ad Auschwitz, dove perirono;  il piccolo Raymond fu salvato dalla madre, che lo nascose nel bagno, situato sul pianerottolo : l’ultima parola che le sentì pronunciare fu quella che lo salvò : chut! zitto!  La sua salvezza in cambio del silenzio e del sacrificio di tutta la famiglia. In quegli anni, migliaia di famiglie in Europa si trovarono di fronte al baratro della deportazione : la furia nazista decimò un continente, con l’aggressione ai Paesi vicini e la decisione di sterminare il popolo ebraico. Il passare del tempo e il progressivo scomparire dei testimoni diretti di quegli orrori, rende ancora più importante il ricordo, indelebile, di quello sterminio, affinché non sia mai più possibile che simili mostruosità si ripetano. E’ il sonno della memoria a generare mostri, e la facile ignoranza di nuove generazioni spesso distratte e superficiali. Il bambino Raymond Federman, dopo la denuncia dei vicini che condannò la famiglia, riuscì, con avventure rocambolesche, a partire da Parigi e a rifugiarsi nella Francia libera: la sua voce è grata e preziosa, perché ci narra di una vita che ha saputo sfuggire alla caccia dei carnefici, e ci ricorda le vite di chi non è più, di chi ha dovuto soccombere alla Shoah; anche il loro ricordo ha un valore incommensurabile, il peso del loro essere stati non potrà e non dovrà essere cancellato. La memoria di ognuno di noi è un argine di fronte alla barbarie, alla bestialità definitiva: leggere queste pagine riconcilia con la vita e fa comprendere come un singolo, minimo gesto, può avere importanza decisiva. Il Male può essere fermato. Non dimentichiamolo mai.

 

Raymond Federman – Chut! Zitto! – La Lepre Edizioni

Annunci

Un commento su “Giorno della Memoria : Raymond Federman – Chut! Zitto!

  1. MARIAROSA
    gennaio 27, 2013

    Come diceva Primo Levi “se comprendere è impossibile,conoscere è necessario”…
    Solo ricordando quei momenti di “distruzione”,la coscienza dell’uomo deve trovare una terribile lezione che si fa universale. Il male può essere fermato,solo col bene,la scrittura come documentazione è un passo verso quel bene.Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 27, 2013 da in Recensioni con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: