café golem

l'inserto culturale di East Journal

70 anni fa la rivolta del ghetto di Varsavia contro i nazisti

varsavia ghetto

di Giovanni Catelli

Il 19 aprile 1943, dopo le terribili deportazioni del 1942, gli abitanti rimasti nel ghetto di Varsavia compresero che i nazisti procedevano verso la soluzione finale, e decisero che non si poteva più attendere : raccolsero le poche armi disponibili e si ribellarono, quasi a mani nude,  contro il potente esercito nazista. Iniziò una delle pagine più eroiche della seconda guerra mondiale : per ventisette giorni, sino al 16 maggio, quando, dopo una lotta impari la rivolta venne schiacciata nel sangue, gli abitanti del ghetto si offrirono alle fiamme, alle pallottole, alle torture dei carnefici, ma mostrarono un coraggio e un eroismo sovrumani, che meritano il nostro ricordo perenne.

L’invasore, la belva nazista, contò cospicue perdite, e dovette dar fondo a tutta la propria spietatezza per aver ragione dei rivoltosi.

La storia poi ci consegnò la distruzione totale del ghetto, la rivolta dell’Armja Krajowa del 1944 e la quasi totale distruzione dell’intera Varsavia, ridotta quasi a una città disabitata, che restano tra le maggiori responsabilità storiche dell’invasore tedesco nazista.

Tra i libri che ricordano la leggendaria sollevazione del ghetto, quelli di Marek Edelman, vice comandante dell’ Organizzazione ebraica di combattimento (Il Ghetto di Varsavia lotta – Giuntina), il racconto straziante di Jan Karski, che tentò disperatamente di suscitare un intervento delle potenze occidentali in difesa degli ebrei (La mia testimonianza davanti al mondo – Adelphi), e la cronaca di un resistente polacco, che raccolse la voce del principale tra i carnefici, nel carcere dove questi attese la condanna per le atrocità commesse : Jurgen Stroop, il capo delle SS di Varsavia, un altro esemplare di quella “banalità del male” che solo ai semplici è apparsa banale e ordinaria.

Un giornalista e partigiano polacco, Kazimierz Moczarski, rinchiuso in prigione, condivise per 255 giorni la cella con Stroop, generale responsabile della distruzione del Ghetto ; trascrisse minuziosamente le sue conversazioni con il criminale di guerra, giustiziato nel 1952, donandoci una testimonianza preziosissima e rivelatrice (Conversazioni con il boia – Bollati Boringhieri).

E’ sempre straziante ricordare il tributo di vite umane, la sequenza infinita di orrori che gli ebrei di Varsavia e tutti i cittadini di Varsavia dovettero subire dall’invasore. E’ un dovere perenne dell’umanità ricordare quanto è avvenuto, nei dettagli, perché si renda almeno difficile che qualcosa di simile possa un giorno ripetersi.

Annunci

3 commenti su “70 anni fa la rivolta del ghetto di Varsavia contro i nazisti

  1. MARIAROSA
    aprile 23, 2013

    Fa sempre male rievocare i momenti orribili della nostra storia,e il raccontare del giornalista è opera per la memoria,come parte di noi che non deve andare persa,come rivalsa sul male da non ripetere. Vediamo di tutto anche oggi,che sembra sottrarci il diritto di vivere in pace,ma instancabili speriamo ancora in una presa di coscienza che io non è Dio.

  2. piccoli-traslochi
    maggio 9, 2013

    Ho trovato il vostro blog su google e sto leggendo alcuni dei tuoi post iniziali. Il tuo blog semplicemente fantastico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: