café golem

l'inserto culturale di East Journal

La Poesia : Lutz Seiler

c copertina seiler105

 

Il soggiorno

 

una sera

tornarono dalla stazione

i morti di casa mia. uno

dopo l’altro, i pugni

chiusi ricordavano i tulipani

stretti la notte su se stessi, ricordavano

il periodo sciupato

nell’essere morti. a loro ormai

apparteneva tutto da ere :

ogni parola, appena fuor

di labbra, ogni buona

frase, come sempre

la salsiccia di fegato fatta in casa, la

conserva di prugne, inoltre

tutte le sigarette & quanto

alcol rimanesse. immobili

guardavano la televisione, mangiando cioccolata (in quantità

immense) & mugugnando

versi tra sé e sé. una sera

tornarono dalla stazione

i morti di casa mia. era dicembre &

il primo treno partiva solo a marzo

 

da : Lutz Seiler – La domenica pensavo a Dio – Del Vecchio editore

Trad. di Paola Del Zoppo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 26, 2013 da in Poesia, Uncategorized con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: