café golem

l'inserto culturale di East Journal

La poesia: Alessandro Fo

fo alessandro foto
Ancora lei, per via

Tende a allungare brevemente il passo
sulla forbice attesa,
le mani in tasca
oblique nel giaccone, strette al fianco,
e questo, sotto il vetro degli occhiali,
fa sì che ne riesca
un’andatura appena un po’ sospesa
fra la fluidità e l’esitazione,
da cui sorride trascorrendo (massa
nera, flessa
in coda di cavallo stasera,
i capelli sul giaccone bianco).

Passa così nella sera
fresca
di primavera,
soavità che illumina la via
(ombra lucente, fra genti mortali,
di come fu, passando, Maria).

da: Alessandro Fo, Mancanze, Einaudi 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 30, 2014 da in Poesia con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: