café golem

l'inserto culturale di East Journal

La poesia: Giorgio Luzzi

luzzi foto

 

(vecchia finestra)

 

Guardalo tu che fossa luminosa

quel volto scarno dimenticato nella notte

chino su un barattolo di fave

crude e fredde. O non sarà

forse la lastra che è caduta

da questi poverissimi telai

la ghigliottina involontaria

che ha trasformato un pasto

un debole crepuscolo di boli

in una vita sparpagliata all’aria.

 

da: Giorgio Luzzi – Troppo tardi per Santiago – Nino Aragno Editore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 27, 2015 da in Uncategorized con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: