café golem

l'inserto culturale di East Journal

La poesia: Matteo Zola

e se le tue ossa fossero minerali, midolli smerigliati e intatti, non avresti dolore né meraviglia di morte, non sapresti l’onda del tempo che ci spolpa in sussurri – ma … Continua a leggere

gennaio 7, 2015 · Lascia un commento

Il ventennio, l’unità di misura della storia d’Italia

di Matteo Zola L’unità di misura dell’Italia è il ventennio, tutti ricorderanno quello fascista ma a guardarla bene la storia del nostro Paese è fatta di doppie decadi che alternano … Continua a leggere

aprile 22, 2013 · 2 commenti

Amazzoni o rusalke? Le donne slave, tra libertà sessuale e mitologia

di Matteo Zola Le genti slave che arrivarono in Europa nel VII° secolo dopo Cristo non avevano una rigida divisione tra i sessi, e non esisteva una subalternità socialmente codificata … Continua a leggere

settembre 11, 2012 · Lascia un commento

Il vile agguato. Chi ha ucciso Borsellino?

di Matteo Zola Rossa, come la misteriosa agenda forse mai esistita ma vera nella mente di quanti, sventolandola, l’hanno fatta diventare simbolo di un bisogno di giustizia. Rossa è la … Continua a leggere

Maggio 5, 2012 · 1 Commento

Stanislav Witkiewicz : l’insaziabilità del male

di Matteo Zola Il salotto degli orrori Quando aveva ospiti, Stanislaw era solito condurli nel prediletto salotto di casa, ove un personale museo degli orrori accoglieva il visitatore. Quest’ultimo, posati … Continua a leggere

aprile 17, 2012 · Lascia un commento

Gustaw Herling, uno scrittore a parte

di Matteo Zola Nell’estate di dieci anni fa si spegneva a Napoli lo scrittore polacco Gustaw Herling-Grudziński. Nato a Kielce il 20  maggio 1919   è stato  uno dei più grandi … Continua a leggere

aprile 17, 2012 · Lascia un commento

Proust nel gulag

di Matteo Zola Autoritratto di Jozef Czapski, 1937-1939 Parigi 1924. Joseph Czapski, ventottenne rampollo di una famiglia  aristocratica polacca, arriva nella capitale francese con un piccolo  gruppo di amici artisti … Continua a leggere

aprile 17, 2012 · Lascia un commento

Era l’ 8 marzo 1968

di Matteo Zola L’8 marzo è l’anniversario di una protesta pressoché dimenticata, una  protesta senza successo, quella che nel 1968 oppose un piccolissimo  manipolo di studenti alla ferocia del regime … Continua a leggere

aprile 17, 2012 · 1 Commento

Sulle tracce dell’Orient Express

di Matteo Zola Nel 1883 lo scrittore Edmont About partecipò al viaggio inugurale dell’Orient Express, quando vide il treno sdraiato e sbuffante sui binari lo descrisse come: “una casa di … Continua a leggere

aprile 17, 2012 · Lascia un commento

Bosnia : Il Mediterraneo di Predrag Matvejevic

di Matteo Zola E gli antichi  poemi per la gestante terra. Con i versi  mancanti. Oh invaso dell’Atlantico sacco  amniotico delle scritture.   La storia  annienta generazioni di  giovani […] … Continua a leggere

aprile 16, 2012 · Lascia un commento

Giovanni Catelli sulla rivista che fu di André Gide

di Matteo Zola   La copertina di ottobre della Nouvelle Revue Francaise che annovera anche Giovanni Catelli   Giovanni Catelli, scrittore di viaggio, poeta, narratore raffinato, è stato incluso tra … Continua a leggere

aprile 16, 2012 · Lascia un commento

Zbigniew Herbert, una questione di gusto

di Matteo Zola Zbigniew Herbert è forse il più grande poeta polacco contemporaneo, accanto a lui solo Czeslaw Milosz, autore certamente meglio noto al pubblico occidentale. Interrogandosi se una nazione … Continua a leggere

aprile 13, 2012 · 1 Commento

Miron Bialosewski, accoccoloni impoltronato

di Matteo Zola L’incontro con Miron Białoszewski (ma non è un incontro, si inciampa in Miron Białoszewski e ti scappa persino un’ imprecazione quando girata la pagina ti accorgi di … Continua a leggere

aprile 13, 2012 · 1 Commento

La poesia di Wisława Szymborska

di Matteo Zola Il silenzio delle cose nella poesia di Wisława Szymborska Introduzione È all’incirca a partire dalla metà del Novecento che si acutizza la percezione di un contrasto tra … Continua a leggere

aprile 13, 2012 · Lascia un commento

Distruzione e riciclo in Tadeusz Różewicz

di Matteo Zola Introduzione La poesia polacca del Novecento si può forse considerare una poesia della “crisi”, prodotta da una cultura e da una società che, da sempre abituata a … Continua a leggere

aprile 13, 2012 · Lascia un commento